Mese: gennaio 2018

L’influenza dei genitori sulla scelte future dei loro figli

 L'influenza dei genitori sul futuro dei loro figli è evidente.

Un padre è un’influenza per i suoi figli. O perché è lo specchio in cui i più giovani guardano o perché consigliano e aiutano quando prendono le decisioni non possono negare l’influenza dei genitori nei piccoli, negli adolescenti e nei giovani adulti. Persino la sua visione può decidere il futuro professionale dei bambini fin dalla più tenera età

Non importa quanto sia difficile tentare di non influenzare le decisioni dei bambini, un genitore cambierà sempre in un modo o nell’altro queste elezioni ]. Il livello di questo afflusso può essere ridotto? Può essere usato positivamente in qualche modo?

È sempre influenzato

Anche se molti genitori affrontano la scelta la vocazione dei loro figli decide di non intervenire, di non influenzarli, la verità è che è impossibile . Poiché è piccolo, il bambino vede nei suoi genitori una figura in cui prendere un esempio e da cui prenderà elementi. Più adolescenti, conoscendo l’esperienza di questi adulti, andranno da loro per chiedere aiuto.

A questo punto, da questo organismo viene spiegata la differenza tra per risolvere i dubbi e decidere per essi. I genitori prima di ogni domanda dei più piccoli devono fornire informazioni reali e consentire loro di decidere. L’elezione non dovrebbe mai essere detta in anticipo, poiché ciò annullerebbe la capacità critica dei bambini non potendo valutare tutte le opzioni.

D’altra parte, si parla anche di un’altra influenza inevitabile ]: l’ambiente in cui è cresciuto il bambino. Ad esempio, una famiglia in cui vi è l’abitudine di leggere incoraggerà il bambino a sviluppare l’amore per i libri e finirà per divorare i libri da soli. Mentre i giovani definiranno la propria personalità, non si può negare l’influenza dei gusti dei genitori in questa materia.

Lo stesso accade nella decisione del futuro vocazionale. Se il bambino è cresciuto in un ambiente dove le scienze sono state molto presenti, questo campo sarà più familiare e quindi ci sarà una maggiore possibilità di optare per questo campo sul posto di lavoro. Allo stesso modo, se i bambini vedono che i loro genitori sono contenti del loro lavoro, quando invecchiano ne vorranno uno uguale.

Permetti loro di scegliere

Una volta che l’influenza di i genitori hanno la vocazione dei loro figli, è importante non abusarne e finire per scegliere per loro. I genitori non dovrebbero mai arrabbiarsi se alla fine viene preso un itinerario diverso da quello inizialmente pensato, ma piuttosto tutto in comune, per supportare questa decisione. Ma sì, devi essere realistico ed esporre tutti i rischi che affronti in questo percorso.

Questi sono altri elementi che dovrebbero essere presenti quando si sceglie un futuro professionale:

– Conoscenza di sé. Sapere quali competenze e abilità personali sono padroneggiate e determinare in quali lavori futuri può essere applicato è il primo passo da compiere, prima di prendere in considerazione l’offerta di formazione e il futuro impiego.

– L’offerta accademica. Le opzioni sono sempre più ampie e diversificate in quanto vi è una tendenza alla specializzazione. È necessario conoscerci e informarci sull’offerta di studi esistenti, per trovare quello che meglio si adatta ai nostri obiettivi e possibilità.

– Il mercato del lavoro. Devi conoscere a fondo, se possibile, le caratteristiche e le mansioni svolte dai professionisti per scegliere la professione che ci interessa. È importante parlare con diversi professionisti per dirci i pro ei contro della loro vita professionale.

 

L’OMS riconosce il disturbo dei videogiochi come una malattia mentale

 L'OMS dichiarerà il disturbo del videojugroup come una malattia dal 2018

I videogiochi sono una forma di intrattenimento che è arrivata nella nostra società insieme alle nuove tecnologie. Videogiochi e computer offrono ai bambini l’opportunità di immergersi in avventure online che a volte finiscono per portare a un abuso di questi sistemi. Infatti, ci sono pochi bambini, e anche adulti che sviluppano patologie derivate da loro.

Infatti, dal prossimo anno l’Organizzazione Mondiale della Sanità l’OMS, prenderà in considerazione i disordini prodotti da il videogioco come una vera malattia e lo includerà nella Classificazione Internazionale delle Malattie di questo organismo. Riconoscimento degli effetti negativi che questi articoli hanno sui bambini quando vengono violati.

Uso improprio di nuove tecnologie

L’OMS descrive il disordine dei videogiochi come l’atteggiamento che i bambini hanno quando fanno un uso ricorrente e abituale di questi prodotti. I minori presentano una dipendenza da questa forma di intrattenimento e non sono in grado di trovare altre alternative per divertirsi. Questi comportamenti derivano da un uso improprio di queste tecnologie come affermano da questa organizzazione.

L’intenzione è, come indica Vladimir Poznyak capo del Dipartimento di salute mentale e abuso di sostanze dell’OMS , nella rivista New Scientist, ottenere professionisti in tutto il mondo per riconoscere che i videogiochi possono avere gravi conseguenze per la salute. Allo stesso tempo sottolinea che dobbiamo distinguere tra l’uso normale di queste tecnologie, un uso problematico e la dipendenza.

Poznyak sottolinea che il normale utente di videogiochi non presenta alcun problema a questo riguardo. Il membro dell’OMS sottolinea che può iniziare a parlare di disordine quando l’uso di queste tecnologie produce un significativo deterioramento in alcune aree delle carenze minori o visive dalla costante esposizione agli schermi o dall’incapacità di decollare delle videoconsole, esprimere rabbia se questa opzione è suggerita.

Educare all’uso responsabile

Come spiega Poznyak, l’utente medio di videogiochi non presenta nessuno di questi problemi. È a causa dell’abuso di queste tecnologie quando compaiono questi disturbi, per evitare loro niente di meglio che educare all’uso responsabile:

1. Gioca con loro Giocare con tuo figlio, oltre ad essere una buona scusa per trascorrere del tempo insieme, è un modo per controllare il contenuto dei videogiochi con cui i bambini trascorrono il loro tempo.

2. Stabilire regole e limiti. Invece di proibire l’uso di videogiochi per bambini, è necessario definire standard, spiegare le conseguenze della non conformità ed essere coerenti nella loro applicazione. In questo modo, progressivamente, il bambino acquisirà l’autocontrollo.

3. Usa il controllo parentale Per evitare contenuti inappropriati, come i videogiochi violenti, è una buona idea chiedere informazioni sul prodotto da acquistare dai gestori dei negozi e guardare i riferimenti del sistema PEGI. Inoltre, se la console lo consente, l’accesso a determinati materiali con Parental Control potrebbe essere limitato.

4. Familiarizzare con le nuove tecnologie. I videogiochi possono essere un modo divertente per genitori e figli di prendere insieme nuove tecnologie, leggere un po ‘di notizie e cercare di essere consapevoli di molti problemi.

5. All’aperto sopra lo schermo. È ironico che molti bambini praticano sport sui loro schermi invece di praticarli. Quando possibile, dovresti dare la priorità al divertimento all’estero invece che a casa.